Newcap Radio

Newfoundland Capital Corporation, Ltd is a Canadian broadcasting company, majority-owned by Harold R. Steele. Newfoundland Capital is the parent company of Newcap Inc. (doing business as Newcap Radio and formerly known as Newcap Broadcasting). It is the number two private-sector radio broadcaster in Canada, just behind Bell Media Radio. It operates 95 stations across Canada. The group also owns two „Newcap Television“ stations, both in Lloydminster on the Alberta/Saskatchewan border.

The group’s Newfoundland and Labrador division, known as Steele Communications, includes all but two of the full-power commercial stations in that province.

On November 6, 2004, the company launched the Canadian Hit 30 Countdown, which, for about six years, was Canada’s only nationally syndicated contemporary hit radio hit countdown. Newcap is also a corporate sponsor of Canada’s Aboriginal Voices radio network.

In the past, Newfoundland Capital acted as a conglomerate with interests in diverse industries such as newspapers and freight transportation. The firm owns one asset unrelated to the broadcasting industry: a hotel in Corner Brook, the Glynmill Inn, which is operated as part of the Steele Hotels group which includes other properties held directly by the Steele family. The Steele family also has private holdings in other industries which are entirely outside of the Newcap corporate umbrella.

In July 2008, Newcap announced a deal to trade CFDR in Halifax to Rogers Media in exchange for CIGM in Sudbury. Both stations were the sole remaining AM stations in their respective markets, and in both cases the current owner already had the maximum permitted number of FM stations in the applicable market, whereas the acquirer only had a single FM station. Both companies successfully applied to move the stations to FM as part of the trade. Newcap flipped CIGM Sudbury to FM on August 25, 2009, and Rogers flipped CFDR Halifax to FM on August 7, 2009.

On July 28, 2008, Newcap Inc. announced that it had a tentative deal to acquire 12 stations in Ontario from Haliburton Broadcasting Group, subject to CRTC approval, for a price of $18.95 million. The company’s application to acquire the Haliburton stations was formally published by the CRTC on November 13, 2008, but was subsequently withdrawn in January 2009. Newcap Inc. CEO Rob Steele indicated that in light of the credit market crisis, the company did not feel that it was the right time to increase its debt load.

In May 2011, Newcap announced that it was selling its two stations in Winnipeg, CKJS and CHNK-FM, to Evanov Communications; the sale was approved on October 24, 2011.

In January 2013, the company announced it was exploring a possible sale of its remaining broadcasting assets in western Canada, consisting of 32 radio stations and two television stations, and six rebroadcasters associated with those stations. These stations are predominantly in Alberta (including several stations in the Lloydminster region on the Alberta/Saskatchewan border), except for two stations in British Columbia. The company announced in May 2013 it was no longer planning to sell its assets in Western Canada. If such a sale had occurred, Newcap suggested that the proceeds might be used to either fund acquisitions „closer to [Newcap’s] base in Atlantic Canada“, pay down debt, or return capital to shareholders.

On August 26, 2013, Newcap Radio announced it would acquire five former Astral Media radio stations in Toronto and Vancouver, CHBM-FM, CFXJ-FM, CKZZ-FM, CHHR-FM and CISL for $112 million. The deal was made in the wake of Bell Media’s attempt to acquire the company. The deal was approved by the CRTC on March 19, 2014 and the sale closed on March 31, 2014.

The following list is based on the Canadian Radio-television and Telecommunications Commission’s media ownership charts as of January 26, 2013.

On November 7, 2012, Newcap applied to operate a new FM radio station in Clarenville, Newfoundland and Labrador. If approved the new station will operate on 97.1 MHz.

The numbered company 3937844 Canada Inc., a partnership between Newcap and Standard Broadcasting, was the licensee for most of the Alberta stations listed above from 2002, when Standard acquired the stations from Telemedia, until 2007, when Newcap bought out Standard’s share of the stations.

Deodato di Nevers

Vescovo

Deodato di Nevers (… – Abbazia di Saint-Dié, circa 679) è considerato vescovo di Nevers e sarebbe stato il fondatore del monastero che prese il suo nome (Saint-Dié).

Fu proclamato santo da papa Leone IX nel 1049.

Secondo una tradizione, Deodato apparteneva a una nobile famiglia, fu vescovo di Nevers e, come tale, avrebbe preso parte al concilio di Sens del 657. Abbandonato l’episcopato, si ritirò a vita eremitica nei Vosgi, poi su un’isola presso Strasburgo dove, con l’appoggio di Childerico II, edificò una chiesa dedicata ai santi Pietro e Paolo.

Dopo varie peregrinazioni, si stabilì in una zona, detta Jointures, alla confluenza dei fiumi Fave e Meurphe, dove edificò un monastero introducendovi una regola basata su quella di san Colombano.

Desiderio strinse anche amicizia con Idulfo, abate del vicino monastero di Moyenmoutier.

Morì nel suo monastero attorno al 679: in suo onore, l’abbazia e il villaggio che vi sorse intorno presero il nome di Saint-Dié.

Fu proclamato santo da papa Leone IX nel 1049.

Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 19 giugno.

Altri progetti

Boophis liami

Vous pouvez partager vos connaissances en l’améliorant (comment ?) selon les recommandations du projet Herpétologie.

Nom binominal

Boophis liami
Vallan, Vences & Glaw, 2003

Statut de conservation UICN

( CR )
CR B1ab(iii) :
En danger critique d’extinction

Boophis liami est une espèce d’amphibiens de la famille des Mantellidae.

Cette espèce est endémique de Madagascar. Elle se rencontre entre 850 et 900 m d’altitude dans les environs de Vohidrazana et dans la région d’Andasibe.

Boophis liami mesure environ 20 mm. Son dos est vert clair et parcouru par une ligne latérale brun clair à blanc argenté. Son ventre est bleu verdâtre transparent.

Son nom d’espèce, liami, lui a été donné en référence à Liam Nicolas Vlasimsky en reconnaissance de son aide financière, au travers du programme Biopat, pour l’étude de la biodiversité malgache.

Sur les autres projets Wikimedia :

Scarborough (Trinidad y Tobago)

Vista de Scarborough.

Scarborough es la ciudad más grande de Tobago, una de las dos principales islas de la República de Trinidad y Tobago. Su población es de 25.530 habitantes (2011), casi un tercio de la población de la isla. La ciudad está dominada por Fort King George, una fortificación del siglo 18 el nombre del Rey Jorge III, que ahora alberga un museo histórico y arqueológico. En aguas profundas del puerto de Scarborough, fue construido en 1991, antes de que los buques se vieron obligados a anclar en alta mar.

Scarborough se convirtió en la capital de Tobago en 1769, cuando sustituyó a la entonces capital de Georgetown. Bajo el gobierno francés fue nombrado Port Louis.

La ciudad de Scarborough es la sede principal de la Asamblea de Tobago, que se encarga de la administración local en Tobago.

Un servicio de ferry con enlaces Scarborough Puerto España, Trinidad. Al igual que el resto de la isla de Tobago, Scarborough es servida por el aeropuerto de Crown Point ubicado en Crown Point.

Darboğaz

Darboğaz is a belde (town) in Niğde Province, Turkey.

Darbağaz is a part of Ulukışla district of Niğde Province. It is a mountain town with an average altitude of 1,460 metres (4,790 ft). The coordinates are . The highway distance to Ulukışla is 15 kilometres (9.3 mi) and to Niğde is 60 kilometres (37 mi). The population is 1894 as of 2011

There are no written sources of the deep history of the town. But probably the vicinity was inhabited during Byzantine Empire era. The earliest settlers of the town were the members of a Turkmen tribe in the 17th century. According to legend, the tribe leader was playing tar, a musical instrument and the earliest name of the settlement was tarbaz or tar player. (The legend, if true, may show an Azerbaijani origin of the tribe.) That name may be the source of the modern name which also means narrow pass. Darboğaz was declared township in 1968.

The main economic activity is agriculture, especially cherry horticulture. The annual cherry production exceeds 1,500 tonnes (1,500 long tons; 1,700 short tons). Beekeeping and carpet weaving are other economic activities. Being a mountain town the potential for winter tourism is also promising.

Krumme Grafschaft

Die Krumme Grafschaft war eine Freigrafschaft innerhalb der Grafschaft Mark auf Gebietsanteilen der heutigen Städte Dortmund, Bochum und Witten.

Das Gebiet zählte ursprünglich zur Bochumer Freigrafschaft. Nach der Altenaischen Erbteilung gelangte es in den Besitz der altenaisch-isenbergischen Linie des Hauses Berg (Arnold von Altena/Friedrich von Isenberg). Wie die übrigen isenbergischen Besitztümer ging die Krumme Grafschaft nach der Ermordung des Kölner Erzbischofs Engelbert I. von Köln zunächst in die Hand von Adolf I. von der Mark über, um dann 1243 im Zuge der Isenberger Wirren an die Isenberger bzw. Limburger unter Dietrich von Altena-Isenberg zurückzufallen. So wird berichtet, dass Dietrich (unter dem Namen Theodor von Limburg) und sein Sohn Johann im Jahre 1271 im Beisein des Edlen von Volmarstein und einiger anderer Ritter auf dem Friedhof der Kirche zu Kirchhörde ihrem Blutsverwandten, dem Ritter Albert von Hörde, die „Krumme Grafschaft“ verpfändeten, die deshalb so genannt wurde, weil sie außerhalb der Limburger Herrschaft lag. Die Freigrafschaft war dabei kein Herrschaftsbereich, sondern ein Gerichtsbezirk mit neun Freistühlen. Die Krumme Grafschaft umfasste unter anderem die Bauerschaften Langendreer, Düren, Stockum, Oespel mit den darin gelegenen Freigütern. Ein Freigericht befand sich auch zu Brünninghausen.

Dietrichs Grafschaft Limburg lag eingebettet zwischen der Kölnischen Grafschaft Volmarstein und dem Kölnischen Amt Menden. Es bildete somit eine Enklave im Nordteil der märkischen Grafschaft Altena. Eingebettet in märkisches Gebiet lagen zudem der an die Ruhr angrenzende Reichshof Westhofen, die Xantener Immunität Schwerte unter der Vogtei der Grafen von Kleve und die Gerichte Hegenichusen/Hengsen und Herreke/Opherdicke, die seit 1176 kölnisch waren und in der Lehnschaft der Edelherren der Grafschaft und späteren Herrschaft Ardey standen. Gemeinsam bildeten diese Besitzungen einen aus Sicht der Grafen von der Mark störenden Korridor, der eine Vereinigung der Grafschaft Altena mit dem ebenfalls märkischen Go Unna für lange Zeit verhinderte.

Die Krumme Grafschaft bildete zusammen mit der Reichsgrafschaft Dortmund einen zweiten Korridor, der den Go Unna von den märkischen Teilen der Grafschaft Bochum trennte.

Die isenbergischen Besitztümer verhinderten somit die Herausbildung eines geschlossenen Territoriums namens Grafschaft Mark, was der Interessenlage der Kölner Erzbischöfe und Herzöge von Westfalen entsprach, nicht jedoch jener von Graf Adolf I. von der Mark und seinen Nachfolgern. Doch mussten sie diese politische Lage zunächst hinnehmen, da sie nach dem Friedensschluss mit den Isenbergern kein Interesse an einer weiteren Auseinandersetzung mit dem Haus Isenberg haben konnten.

1282 gelang es jedoch Graf Eberhard I. von der Mark, den Enkel Adolfs I. von der Mark († 1249) und Sohn von Graf Engelbert I. v. d. Mark (1249–1277), den inzwischen 67-jährigen Dietrich von Altena-Isenberg zum Verkauf der Krummen Grafschaft zu bewegen. Dies war ein weiterer wichtiger Schritt zur Herausbildung eines einheitlichen märkischen Territoriums, so wie sechs Jahre später der Erwerb des vollen Befestigungsrechts durch die Märker als Folge der Schlacht von Worringen.

Dietrich von Isenberg verblieben so zunächst nur sein Kernbesitz, die Grafschaft Limburg, und an der unteren Ruhr die Herrschaft Styrum, während die Krumme Grafschaft integraler Bestandteil der Grafschaft Mark wurde, was endlich ein Zusammenwachsen der märkischen Territorien ermöglichte.

Zeitweise vergaben die Grafen von der Mark das Gebiet zu Lehen an die Herren von Hörde.

Der Bochumer Richter Dierich Delscher von August berichtet 1553: „die von Batenburg (-Bronckhorst) als Erben des verstorbenen Dietrich von Wickede und die von Büren zu Huckarde haben zusammen zwei Freistuhlgerichte zu Oespel und Langendreer, welche die krumme Grafschaft genannt werden. Die Güter und Leute, die dazu gehören, sind dienstfrei und wollen, daß die Güter an den Freistuhlgerichten allein dienstpflichtig sollen sein, was man ihnen in Erbfällen und wenn Streit um Erbnis besteht, bisher gestattet hat. Aber um Schaden und Schuld sind sie dem Hochgericht Bochum unterworfen. Es ist auch alter Brauch, daß, wenn jemand bezüglich seines Freigutes kein Recht bekommt, er seine Sache am Hochgericht Bochum weiter betreiben kann.“

Apple DOS

L‘Apple DOS, acronimo di Apple Disk Operating System, era il sistema operativo per dischi dei personal computer della serie Apple II distribuito da Apple Computer dal 1978 fino al 1983.

L’Apple DOS fu distribuito in 3 versioni principali: DOS 3.1, DOS 3.2 e DOS 3.3. Ognuna di esse fu seguita da una versione minore che correggeva i bug della maggiore e solo nel caso dell’Apple DOS 3.2 essa ebbe un proprio numero di versione (3.2.1) mentre le altre mantennero il numero originale.

La versione più nota ed usata fu la 3.3, distribuita nel 1980 e aggiornata successivamente nel 1983 con un paio di „bug-fix release“ (o versione con correzione di bug).

L’Apple DOS fu scritto per la maggior parte da Steve Wozniak, Randy Wigginton e Paul Laughton, un programmatore esterno ad Apple. Siccome lo sviluppo del DOS fu terminato in fretta per poter essere abbinato alla nuova unità a dischi prodotta da Apple, il Disk II, non ci fu il tempo per preparare un manuale dell’utente: per questo motivo il DOS fu distribuito senza una documentazione ufficiale ma solo con alcune note sulle principali caratteristiche e su alcuni comandi. Fu solo con la distribuzione della versione 3.2, avvenuta a febbraio 1979, che un manuale degno di questo nome fu reso disponibile agli utenti.

Le versioni dalla 0.1 alla 2.8 furono versioni di sviluppo. Terminata la versione 2.8, i dirigenti Apple decisero che il nome DOS 2.8 non era piacevole per cui incrementarono la numerazione fino a 3.0: questa versione fu considerata come „beta“, utilizzata quindi come test. Ma i troppi bug in essa riscontrata portarono alla decisione di rinumerare l’Apple DOS come 3.1 prima della commercializzazione, ad indicare che il codice era cambiato rispetto alla beta.

L’Apple DOS 3.1 fu distribuito a giugno 1978 (meno di 1 anno dopo l’introduzione degli Apple II), divenendo il primo sistema operativo basato sui dischi di qualunque computer Apple.

Successivamente fu distribuito un aggiornamento che correggeva alcuni bug che affliggevano il primo DOS. La nuova versione, che manteneva la numerazione 3.1, sistemava il problema del numero di linea in un listato che non poteva essere maggiore di 255, permetteva la presenza di più di un comando DOS per linea di programma, e correggeva la routine usata per creare una copia „master“ dell’Apple DOS con il comando MASTER.CREATE, che sulla 3.1 originale funzionava solo quando il controller per i dischi era inserito nella porta di espansione nº 7 dell’Apple II ma, durante la progettazione, in tale porta fu deciso di inserirci la scheda video ed il controller venne spostato sulla porta nº 6 (curiosamente, le schede video venivano inserite nella porta nº 3, lasciando quindi la porta nº 7 vuota). Esisteva anche un altro tipo di disco DOS, il cosiddetto „slave“, creato con il comando INIT: rispetto ad un disco „master“, la cui copia del DOS si adattava dinamicamente al quantitativo di memoria che trovava sulla macchina su cui era usato, un disco „slave“ avviava la sua copia del DOS allocando lo stesso quantitativo di memoria della macchina su cui era stato creato. Se, per esempio, veniva creato un disco „slave“ su un Apple II con 16 KB di RAM, se tale disco era usato su un computer con 48 KB di memoria, il sistema ne allocava solo 16. Ecco, quindi, che l’uso di un disco „master“ era molto importante ed il bug del comando MASTER.CREATE limitativo.

Agli inizi del 1979 Apple presentò l’Apple II Plus, un’evoluzione dell’Apple II: insieme all’hardware fu rinnovato anche il sistema operativo, con la presentazione dell’Apple DOS 3.2. Rispetto agli Apple II, al posto dell’Integer BASIC i modelli Plus integravano nel loro firmware un nuovo BASIC con supporto per i numeri in virgola mobile, l’Applesoft BASIC, ed una nuova funzionalità di autoavvio: se il computer trovava un controller per unità a dischi al momento della sua accensione, avviava il disco eventualmente presente. Da tale caratteristica il firmware prese il nome di „Autostart ROM“. La nuova versione 3.2 aumentava anche il numero di tipi di file gestibili ed introduceva il comando UPDATE 3.2 che convertiva un disco „slave“ in un disco „master“. Infine, il DOS 3.2 era arricchito di diversi giochi e programmi dimostrativi delle capacità delle nuove macchine.

Nel mese di luglio del 1979 Apple presentò l’Apple DOS 3.2.1, una versione che differiva dalla 3.2 solo per la risoluzione di alcuni piccoli bug, tra cui quello relativo alla temporizzazione che affliggeva il comando COPY, che falliva la copia di un disco quando si usavano 2 unità contemporaneamente. Con questa distribuzione veniva anche introdotto un sistema di numerazione delle versioni che usava una terza cifra ad indicare una modifica minore, un sistema che ha continuato ad essere utilizzato fino ai giorni nostri.

L’Apple DOS 3.3 fu distribuito nel mese di agosto del 1980. Rispetto al DOS 3.2, introduceva diverse migliorie tra cui la capacità di gestire le superiori capacità di memorizzazione offerte dalle nuove PROM P5A/P6A montate sugli ultimi controller che potevano leggere e scrivere i dati ad una densità maggiore: grazie a queste PROM le tracce potevano ora contenere fino a 16 settori (4 kB) contro i precedenti 13 (3,25 kB), facendo aumentare la capacità totale di un dischetto da 113,7 kB a 140 kB per lato. Di questi, 16 kB erano usati dal DOS per il file system e per la copia del DOS 3.3, lasciando 124 kB di spazio per i programmi ed i dati dell’utente.

Il DOS 3.3 non era però retrocompatibile: non poteva leggere o scrivere sui dischetti formattati con una versione precedente del DOS. Per risolvere questo problema Apple rese disponibile un software denominato „MUFFIN“ che serviva a copiare i file di un disco ante DOS 3.3 su un disco DOS 3.3. Apple non distribuì mai una versione per l’operazione inversa e la comunità di utenti produsse in proprio una applicazione denominata „NIFFUM“ che convertiva un disco DOS 3.3 nel formato compatibile con le precedenti versioni. Esistevano anche delle applicazioni commerciali (come il software „Copy II Plus“) che erano in grado di copiare i file tra i due formati (e successivamente anche da e per i dischi formattati con il ProDOS).

La versione 3.3 permetteva anche di passare con più facilità dall’Integer BASIC all’Applesoft BASIC se il computer aveva una scheda di espansione, la „Language Card“, o una scheda con un firmware esteso, la „Firmware Card“.

I dischetti formattati con il DOS 3.1 utilizzavano 13 settori per traccia, ognuno di 256 byte, con 35 tracce per ogni lato del disco: in totale, lo spazio a disposizione era di 113,75 kB per lato, di cui circa 10 kB erano riservate per memorizzare lo stesso DOS e la directory del disco, lasciando all’utente finale 100 kB di spazio utile. Le unità dischi potevano accedere ad un solo lato per volta, obbligando l’utente a girare il dischetto per operare sul lato inferiore. I nomi dei file potevano contenere fino a 30 caratteri, inclusi gli spazi ed i caratteri di controllo: l’MS-DOS, per confronto, continuò fino al 1995 a supportare nomi lunghi solo 11 caratteri, di cui 8 per il nome vero e proprio e 3 per l’estensione.

Se comparato con sistemi operativi più moderni, l’Apple DOS era abbastanza primitivo. Il primo livello del sistema era chiamato „RWTS“ (Read/Write Track Sector): esso consisteva delle routine per la ricerca delle tracce, la lettura e la scrittura dei settori e la formattazione del disco. Questo livello fu scritto da Wozniak e da Wigginton. I successivi livelli furono scritti da Laughton. Il primo di essi era denominato „File Manager“: era essenzialmente un’API costruita sull’RWTS che implementava le funzioni per aprire, chiudere, leggere, scrivere, cancellare, bloccare (ossia proteggere da scrittura), sbloccare (rendere riscrivibile), rinominare e verificare l’integrità strutturale dei file. Dopo il File Manager c’era un livello denominato „Main DOS Routines“, che conteneva le routine che permettevano al BASIC di interfacciarsi con il DOS, intercettando i comandi inseriti dall’utente o direttamente al prompt dei comandi oppure nei propri programmi BASIC. I comandi messi a disposizione dell’utente erano, ad esempio, BLOAD, BSAVE e BRUN per caricare, salvare ed eseguire file binari oppure i corrispondenti LOAD, RUN e SAVE per i programmi in BASIC; EXEC eseguiva invece dei file batch composti da comandi BASIC e/o DOS. Sopra a questi c’era l’ultimo livello, che non era una vera e propria area di memoria contenente particolari routine, bensì una zona di buffer che il sistema operativo utilizzava per la memorizzazione temporanea dei dati in transito da e per ognuno dei file aperti.

La prima versione dell’Apple DOS supportava 4 tipi di file, identificati dalle seguenti lettere:

Con il DOS 3.2 furono introdotti altri 4 tipi di file, contrassegnati dalle lettere „R“, „S“, un’altra „A“ ed un’altra „B“, ma di questi, solo il tipo „R“ (che indicava un codice oggetto ricollocabile generato da un assembler) fu usato da Apple.

Il DOS distingueva questi tipi solo nella visualizzazione dell’elenco dei file presenti in una cartella ma non metteva a disposizione nessuno strumento per poter manipolare direttamente i tipi di file. Il tipo „R“ trovava qualche uso nell’identificazione dei file binari eseguibili ricollocabili. Alcuni programmi supportavano il tipo „S“ per indicare i file di dati.

Molti dei programmi scritti in linguaggio macchina per i computer Apple II non si preoccupavano della ricollocazione del codice dato che l’Apple II, a differenza dei computer più moderni, non eseguiva più programmi contemporaneamente. I programmi erano generalmente scritti affinché essi si aspettassero di trovare il proprio codice macchina nello stesse locazioni di memoria ogni volta che venivano eseguiti. Il codice pienamente ricollocabile era più complicato da scrivere e difficile da implementare.

L’Apple DOS, però, doveva essere in grado di gestire un quantitativo di memoria installato nella macchina su cui girava che non aveva un valore fisso: esso poteva andare da 16 fino a 48 kB. Il DOS si caricava nella porzione più alta possibile per poter tenere libera la parte più bassa della memoria per i programmi in BASIC e per la gestione della grafica. Negli Apple II con 48 o più kB di memoria, il DOS occupava la zona compresa fra gli indirizzi $9600 e $BF00 (corrispondenti a 3 buffer per i file più 10 kB per il suo codice) ma poteva anche caricarsi in una zona di memoria inferiore se la macchina aveva meno RAM (per confronto, il ProDOS si caricava sempre nella RAM della „language card“, e ciò comportava di avere almeno 64 kB di RAM sulla macchina).

Una tabella di vettori di chiamata allocata nella zona di memoria compresa fra $03D0 e $03FF permetteva ai programmi di accedere al DOS ovunque esso si fosse caricato in memoria. Ad esempio, se le funzioni di chiamata del DOS integrate nell’interfaccia a riga di comando del BASIC cessavano di funzionare, l’utente poteva reinizializzare il DOS eseguendo la funzione puntata dalla locazione di memoria $03D0 (976): da qui il tradizionale comando „3D0G“ per tornare al BASIC dal monitor di sistema.

Il processo di caricamento dell’Apple DOS coinvolgeva una serie di piccoli programmi, ognuno dei quali faceva avanzare il processo di avvio di pochi passi prima di passare il controllo al programma successivo della sequenza.

L’Apple II fu inizialmente distribuito con un semplice interprete BASIC noto come Apple BASIC che fu poi rinominato Integer BASIC. Esso poteva gestire solo i numeri interi con un intervallo da -32768 a 32767 e supportava solo una grafica in bassa risoluzione. Essendo però il primo BASIC disponibile per l’Apple II, fu l’interprete con cui furono scritti i programmi per il computer.

In seguito alle numerose richieste di un interprete capace di gestire i numeri in virgola mobile, Apple si rivolse a Microsoft chiedendo un BASIC con tali caratteristiche. Microsoft propose lo stesso linguaggio che già aveva sviluppato per l’Altair 8800, che Apple distribuì come Applesoft BASIC. Nonostante le maggiori capacità, l’Applesoft BASIC non era compatibile con l’Integer BASIC per cui i programmi scritti per questo interprete non giravano su quello nuovo.

L’Applesoft BASIC fu distribuito inizialmente su cassetta a nastro: veniva caricato in memoria come un normale programma, occupando 10 kB di RAM. Con l’uscita degli Apple II Plus, l’Applesoft BASIC venne integrato nella ROM dei nuovi computer.

Quando fu distribuito il nuovo DOS 3.3, nell’agosto del 1980, gli Apple II Plus erano in vendita da più di anno: Apple decise quindi di integrare nel DOS la possibilità di passare con facilità da un interprete BASIC all’altro grazie al fatto che essi furono inseriti nel disco „master“ come file binari permettendo così agli utenti di poter caricare in RAM la versione non presente nella ROM della propria macchina (ammesso di aver sufficiente memoria per farlo). Per scegliere l’interprete da usare l’utente doveva semplicemente digitare al prompt del sistema i comandi FP (abbreviazione di „F“loating „P“oint) per l’Applesoft BASIC o INT (per „INT“eger) per l’Integer BASIC. Inoltre, quando l’utente apriva un programma salvato, il DOS sceglieva automaticamente l’interprete adatto in base al tipo di file, se l’Applesoft BASIC in caso il tipo fosse stato „A“ o l’Integer BASIC nel caso del tipo „I“.

Dopo il 1980 lo sviluppo degli Apple II e dell’Apple DOS subirono un rallentamento dato che Apple concentrò i suoi sforzi sui fallimentari Apple III ed il loro sistema operativo Apple SOS. Nel 1983 il DOS 3.3 subì un paio di aggiornamenti, principalmente per correggere alcuni bug del sistema e per migliorare il supporto ai nuovi Apple IIe, distribuiti in quello stesso anno.

Senza estensioni prodotte da terzi, l’Apple DOS poteva leggere solo i dischi da 5¼“ delle unità Disk II e non poteva accedere ad altri tipi di memoria di massa quali dischi rigidi, RAM disk o dischi da 3½“. La struttura del DOS era tale per cui non era possibile gestire più di 400 kB per disco senza riscrivere la maggior parte del suo codice: questo fu il principale motivo per cui Apple abbandonò il DOS nel 1983 sostituendolo con il nuovo ProDOS.

Il ProDOS manteneva il limite a basso livello dei 16 settori per traccia sui dischi da 5¼“ del DOS 3.3 ma introduceva un nuovo formato ad alto livello che era in grado di gestire dispositivi con capacità fino a 32 MB: ciò permise al ProDOS di supportare i nuovi dischi da 3½“. Tutti i computer Apple dall’Apple II Plus in avanti potevano far girare sia il DOS 3.3 che il ProDOS: i primi necessitavano, però, della „Language Card“ (l’espansione di memoria) per usare il ProDOS. L’Apple IIe ed i modelli successivi integravano questa scheda nel proprio hardware e potevano perciò usare il ProDOS senza ulteriori modifiche. Il ProDOS includeva un software per copiare i file dai dischi Apple DOS. Nonostante le maggiori funzionalità del ProDOS, molti utenti continuarono ad utilizzare l’Apple DOS ben oltre il 1983.

L’abitudine di Apple di salvare una copia avviabile del sistema operativo su ogni singolo disco permise ai produttori di software commerciale di non preoccuparsi di quale versione del DOS l’utente possedesse. Esisteva anche un programma chiamato DOS.MASTER che permetteva agli utenti di avere diverse partizioni virtuali del DOS 3.3 su un’unità formattata con il ProDOS, con il vantaggio di poter avere molti programmi DOS nati per i dischetti floppy su un unico disco rigido.

Il DOS 3.3 continua ad essere commercializzato da su licenza esclusiva.

Uno dei limiti del DOS era il fatto che i dati letti o scritti dai dischi dovevano attraversare tutti e 3 i buffer del sistema operativo. Questo modo di operare rendeva le operazioni di accesso al disco particolarmente lente dato che molto del tempo era speso per copiare i dati all’interno della memoria del computer. Per questo motivo comparvero alcune versioni modificate del DOS denominate Pronto-DOS, Diversi-DOS e Davi-DOS, che risolvevano il problema alterando le routine del livello „File Manager“ del sistema in modo che usasse l’RWTS per leggere o scrivere i settori direttamente da o verso la memoria centrale senza usare i buffer.

Gesellenstück

Als Gesellenstück wird das im praktischen Teil einer Gesellenprüfung herzustellende Werkstück bezeichnet.

Bei Prüfungen im Geltungsbereich der Handwerksordnung muss der Teilnehmer als angehender Geselle (Handwerksgehilfe) bei der Anfertigung des Werkstücks die besonderen Fähigkeiten unter Beweis stellen, die in der Ausbildung erworben sein sollten. Er soll dadurch zeigen, dass beispielsweise Maschinen sach- und fachgerecht eingesetzt und logisches und praktisches Denken angewendet wird.

Das Gesellenstück (auch mehrere) muss innerhalb einer vorgegebenen Zeitspanne gefertigt werden. Der Prüfungsausschuss der zuständigen Innung bewertet nach der Fertigstellung Herstellungsprozess und -ergebnis, benotet diese und erstellt, gegebenenfalls in Verbindung mit anderen Teilen der praktischen Prüfung, die Praxisnote der Gesellenprüfung.

Gesellenstücke gibt oder gab es unter anderem noch in den folgenden Ausbildungsberufen:

Siehe auch: Meisterwerk, Meisterstück

The Hepworth Wakefield

The Hepworth Wakefield is an art gallery in Wakefield, West Yorkshire, England, which opened on 21 May 2011. The gallery is situated on the south side of the River Calder and takes its name from artist and sculptor Barbara Hepworth who was born and educated in the city.

The gallery was designed by British architect David Chipperfield, who won an architectural design competition managed by RIBA Competitions and was built by Laing O’Rourke with funding from Wakefield Council, Arts Council England and the Heritage Lottery Fund. Yorkshire Forward, the Homes and Communities Agency, and the European Regional Development Fund have also supported the building of the gallery alongside a number of charitable trusts, corporations and private individuals. The Hepworth Wakefield is a registered charity under English law.

The gallery cost £35 million to build. Five weeks after opening it had received 100,000 visitors. In May 2012 it celebrated its first birthday, having received over 500,000 visitors in the year.

The Hepworth Wakefield is a structure composed of ten trapezoidal blocks; its upper-level galleries are lit by natural light from large windows in the pitched roofs. Its windows have views of the river, historic waterfront and the city skyline. The building’s façade is clad with self-compacting pigmented concrete made on site, the first of its kind in the United Kingdom. The architects selected the material to emphasise the gallery’s sculptural appearance. The gallery has ground-floor visitor facilities, including a café bar overlooking the river, a learning studio, a 100-seat auditorium and shop. The building’s brutalist design is not universally popular with local people.

The Hepworth Wakefield’s 1,600 square metres (17,000 sq ft) of purpose-built gallery space houses 44 plaster and aluminum working models donated by Dame Barbara Hepworth’s family and temporary exhibitions of contemporary art. Items from Wakefield’s art collection which spans the 16th century to the present day are on display, including works by Henry Moore, who was born in Castleford in the Wakefield district, Ben Nicholson, Graham Sutherland, Paul Nash, Jacob Epstein, Walter Sickert, Anthony Caro, Ivon Hitchens, LS Lowry, and David Hockney.

The gallery is a partner of Plus Tate, a project aimed at increasing public access to the national collection of British and international modern and contemporary art.

A year after opening, The Hepworth Wakefield was named Regional Building of the Year for 2012 by the Royal Institute of British Architects. The gallery was short-listed for the Art Fund Prize in 2012.

Winchester Liberator

The Winchester Liberator was a prototype 16-gauge, four-barrelled shotgun, similar to a scaled-up four-shot double action derringer. It was an implementation of the Hillberg Insurgency Weapon design. Robert Hillberg, the designer, envisioned a weapon that was cheap to manufacture, easy to use, and provided a significant chance of being effective in the hands of someone who had never handled a firearm before. Pistols and submachine guns were eliminated from consideration due to the training required to use them effectively. The shotgun was chosen because it provided a very high volume of fire with a high hit probability.

The mechanism used was that of a derringer, with four fixed barrels. The linear hammer and its integral firing pin rotated within a fixed breechblock behind these barrels. The lock action was driven by a central coil spring around the hammer rotation axis, cocked by the ratchet mechanism that rotated the hammer after each shot. This ratchet mechanism, although only visible when the hammer was stripped and removed, bore some relation to the cylinder of the Webley-Fosbery self-loading revolver or even some retractable ballpoint pens. A similar rotating hammer in a 4-barrel breech was later used by Hillberg in the COP .357 Derringer. Reloading was in the usual derringer fashion, by the barrels tipping forward on a hinge ahead of the breech block.

Both Winchester and Colt built prototypes, although the Colt eight-shot design came late in the Vietnam War and was adapted for the civilian law enforcement market. No known samples were ever produced for military use.